lunedì 24 novembre 2014

Michelangelo Giannino, Social Media Manager e fondatore di FusionLab09

INTERVISTA AD UN SOCIAL MEDIA MANAGER

Michelangelo Giannino - Founder at FusionLab09 - Consulente Marketing Freelance




Quando hai iniziato a lavorare come Community Manager?

Ho iniziato a lavorare come community manager nel 2009 presso uno dei primi e famosi ecommerce italiani per la vendita di prodotti geek. Per continuare a fare esperienza ho poi creato diverse fan page per analizzare e capire le varie fasce di utenza. Successivamente ho gestito fan page in ambito fashion, intrattenimento, web agency, associazioni ecc.

Come ti sei avvicinato al social media management?

L’azienda cercava un blogger e visto la mia esperienza in merito mi affidarono anche la gestione della fan page aziendale fino a investire molto più tempo e denaro su facebook rispetto al mio ruolo iniziale.

Quali sono le gioie e i dolori della tua esperienza professionale che ti senti di condividere?

Gestire una fan page significa avere a che fare con centinaia di persone al giorno pronte a criticarti al minimo errore. Se il pubblico è abbastanza ampio, quasi hai paura di premere il pulsante PUBBLICA soprattutto se sei agli inizi e non sai cosa piace ai tuoi fan.

Le soddisfazioni che puoi ricevere sono tante. Come leggere i complimenti per come gestisci la pagina. Oppure tu, community manager, sei riuscito a donare fiducia al fan fino a influenzare il suo potere di acquisto. O ancora, raggiungere un alto tasso di engagement quando lanci contest o un contenuto coinvolgente, di qualità, di valore.

Quali qualità/capacità sono oggi indispensabili per essere un efficace SMM?

 Prima di tutto bisogna conoscere ogni aspetto del brand che rappresenti. Essere creativo (più scrittura persuasiva), empatico, saper ascoltare, molto disponibile, altruista, solare, far divertire.

Qual è a tuo parere l'errore da evitare assolutamente nella gestione di un social network?

Essere istintivi quando si tratta di affrontare le critiche negative e non coordinarsi con l’intero ufficio marketing.


Che suggerimenti daresti a chi vuole diventare SMM?

Possedere nozioni tecniche della comunicazione, conoscere i meccanismi/principi dei social (e relativa utenza) sul marketing, saper analizzare case history, avere dati statistici sempre sotto mano (e aggiornati), seguire influencers del settore per conoscere le ultime novità.


giovedì 20 novembre 2014

Social Media Business: cosa fare e cosa non fare per una comunicazione online di successo



Una serie di consigli e di attività per migliorare la reputazione online di un'azienda.
L'infografica qui sotto espone quali sono le attività da fare e quali sono da evitare per ottenere una comunicazione aziendale di successo nel campo dei social media.
In sintesi  

I Must da fare: 


  • Elaborare una strategia precisa
  • Porsi degli obiettivi misurabili
  • Essere rispettosi nei confronti della comunità online
  • Coerenza
  • Postare contenuti interessanti che creino engagement
  • Essere costante nella propria presenza sui social
  • Saper ascoltare le altre voci 
  • Esprimere gratitudine



Cosa non fare: 


  • Avere fretta e costruire un network troppo velocemente
  • Essere su un solo social
  • Non ringraziare
  • Fare spam
  • Essere sui social tanto per esserci, senza costruire un piano editoriale e strategico personalizzato
  • Vendere in maniera esplicita


Ecco l'infografica che insegna alle aziende cosa fare e cosa non fare sui social network affinchè la propria strategia di comunicazione online abbia successo:

 

mercoledì 12 novembre 2014

Come ricercare gli Influencer su Twitter

Scopri come classificare le 3 tipologie di target audience su Twitter

gli influenser di settore
gli amplificatori
la vera e propria audience



Alcuni strumenti di ricerca e analisi possono venirti in aiuto, come Topsy.com
Followerwonk.com e Inkybee.com


Fonte:

giovedì 6 novembre 2014

Come inserire un video sul Post di Blogger



Leggendo la guida su Blogger, con i suoi suggerimenti, sembra davvero molto facile inserire un video in un Post ma vi confesso che per me non è stato poi così intuitivo.

Il primo suggerimento consiste nel cliccare sul collegamento diretto che Blogger mette a disposizione sulla barra degli strumenti, l'icona a forma di ciack cinematografico.
Attraverso la schermata che si aprirà si può scegliere se caricare un video direttamente dal tuo pc oppure cercare il video che desideri direttamente su Youtube (puoi digitare il nome o più semplicemente incollare l'Url del video che ti interessa).

Affinchè il video non sia solamente visualizzato come un'immagine anteprima ma sia realmente fruibile e visionabile direttamente dal Post, bisogna agire sul codice html.
Youtube e Vimeo ti aiutano e ti forniscono il codice html da incorporare.
Per esempio sotto il video di Youtube, cliccando su "Condividi" trovi l'ozione "Codice da incorporare". Cliccando su questa opzione si visualizza l'anteprima, si può copiare il codice che ci interessa e si possono scegliere delle opzioni, quali per esempio, la dimensione del video da visualizzare all'interno del post. Le dimensioni standard di Blogger sono 400 (widt) e 353 (height).

Un altro metodo è quello di cliccare sull'icona di html sulla barra delle opzioni, in questo modo potrai visualizzare il tuo post in versione html e potrai incollare il codice da incorporare (fra un tag <br>) ovunque tu voglia.
Di seguito un video tutorial su come incorporare i video di Youtube sui vostri Post.








sabato 1 novembre 2014

Solo 30 minuti sui Social Media?Come usarli al massimo

QUALE E' IL MIGLIOR MODO DI INVESTIRE 30 MINUTI DEL TUO TEMPO 
SUI SOCIAL MEDIA?


La gestione dei social media può essere un lavoro a tempo pieno, anche per coloro che al contempo devono assolvere ad altri compiti. Fare social media management può richiedere 10 o più ore a settimana.

Detto questo, cosa faresti se avessi a disposizione solo 30 minuti da spendere sui social media?
Come decideresti quali sono le attività prioritarie per ottimizzare il tuo prezioso tempo?

Ci sono momenti 'vuoti' nella giornata in cui vorrei essere il più produttivo possibile. Quindi quando ho una finestra di tempo di 30 minuti, cosa dovrei fare per ottimizzare questo tempo sui social media?

Ecco alcuni modi che ho escogitato per utilizzare al meglio queste finestre temporali di 30 minuti.

Uno studio condotto da Ipsos ha rilevato che un utente in rete trascorre circa 3,6 ore medie al giorno sui social network. Calcolando che, tolte 8 ore di sonno, rimangono 16 ore di veglia, di queste, circa il 25% del tempo lo si trascorre sui social network.

Ecco un elenco della ripartizione utilizzo medio suddivisa per età:

  • 4,2 ore al giorno – under 35
  • 3,1 ore al giorno – dai 35 ai 49 anni
  • 2,8 al giorno – over 50
Quindi 30 minuti al giorno sembra una quantità molto piccola.

Ecco un elenco delle 12 attività di un Social Media Manager:



Ora la cosa complicata è, in 30 minuti, decidere quali sono di queste le attività principali nda svolgere.

Un metodo funzionale è suddividere per gruppi le attività da fare, gruppi di attività da svolgere in 30 minuti:



1) curating, crafting, posting, scheduling, attività che hanno come scopo quello di dedicarsi al contenuto
2) Measuring analyzing, planning, experimenting, attività che assicuraro la crescita
3) Responding, listening, engaging, helping, che riguardano la sfera community.


Quindi il segreto sta nel dedicare ad ogni finestra di 30 minuti (avendo più finestre in una giornata) ad un solo blocco di queste attività.

In questo modo diventa più fattibile che fare tutte e 12 le attività in 30 minuti!

Certo capita di avere giorni in cui in tutto avete solo 30 minuti per tutto e sarebbe utile avere un piano anche per questo. 

Comunque ecco una lista personale di come suddividere i famosi 30 minuti:
  • 5 minuti per raccogliere il materiale
  • 15 minuti per leggerlo
  • 10 minuti per comporre e organizzare
Ovviamente sperimentate e troverete il giusto mix per voi...

Estratto da un articolo di Kevan Lee

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...