mercoledì 2 aprile 2014

Rudy Bandiera e l'arte del social media management

Arriva da Ferrara e condividere e socializzare sono i suoi marchi di fabbrica. Questo è Rudy Bandiera che con entusiasmo e la tipica affabilità emiliana lavora da anni come giornalista e consulente nel mondo dei social media e del "marketing non convenzionale". Qui ci dà qualche consiglio per chi voglia cimentarsi con la gestione dei social network:

Come ti sei avvicinato al social media management?

Direi che è stato un passaggio obbligato: gestivo un network di oltre 200 siti con quasi 500 redattori quindi è stata una cosa spontanea. I social sono arrivati nelle nostre vite in maniera fluida e del tutto naturale.

Quali sono le gioie e i dolori della tua esperienza professionale che ti senti di condividere?

La gioia è quella di fare il lavoro più bello del mondo, il dolore quello di farlo per troppe ore al giorno.

Quali qualità/capacità sono oggi indispensabili per essere un efficace social media manager? 

Come ho già detto mille volte, è un lavoro che in parte si impara e che in parte è innato. E' un po' “artistico” oltre che tecnico: quindi si deve capire come funziona un algoritmo, certo, ma si deve soprattutto capire in quale direzione andare con i contenuti. Si deve essere “empatici”.

Qual è a tuo parere l'errore assolutamente da evitare nella gestione dei social media? 

Perdere le staffe. Per fare questo lavoro si deve essere sempre in equilibrio e pensare sempre fino a 100 prima di parlare. Se si sbaglia, si paga. Sempre.

Che suggerimenti daresti a chi volesse diventare social media manager? 

Affiancarsi a qualcuno, trovare una guida, una sorta di “mentore”. Non è una cosa che si impara a scuola, quindi ci vuole tempo, esperienza e abnegazione... come per diventare un Samurai ;)

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...