lunedì 31 marzo 2014

Il social media management secondo Nicola Carmignani

Fiero della sua barba, non fa mistero della sua passione per il caffè e ama definirsi "social coso" anche se in realtà è un social media strategist, content manager, blogger, esperto di SEO e web marketing. Ecco come Nicola Carmignani ha risposto alle nostre domande:


1) Come ti sei avvicinato al social media management? 
Posso dire quasi per caso? All'inizio ero restio a iscrivermi a Twitter e Facebook, poi un po' per cedere alle pressioni che ricevevo e un po' per curiosità di seguire i profili Twitter degli attori americani delle serie TV che guardavo, ho fatto la frittata e da lì fiumi di tweet e post Facebook.
Sono laureato in informatica ma con la passione per il web e le relazioni sociali, così ho messo insieme le cose, mi sono dato da fare per studiare ciò che non era nel mio percorso di studi ed eccomi qui: community manager e social "coso" di professione! 

2) Quali sono le gioie e i dolori della tua esperienza professionale che ti senti di condividere?
Le gioie sono sensazioni che provi quando riesci a esprimere al meglio il tuo lavoro, quando hai riscontri positivi sia dal cliente che dalle persone a cui parli attraverso i canali social. 
Le difficoltà sono molte: già è difficile spiegare il lavoro a chi non è del settore ma anche le stesse aziende spesso non percepiscono il reale vantaggio di utilizzare questi strumenti per ottenere reali vantaggi di business. 
Ci sono poi altri aspetti legati alle particolarità del lavoro stesso (inesistenza di orari e attaccamento costante alla rete) ma ogni mestiere ha le sue peculiarità.

3) Quali qualità/capacità sono oggi indispensabili per essere un efficace social media manager? 
Ci vuole tanta passione, voglia di imparare e continuare a farlo, conoscenze in diversi settori: marketing, comunicazione, SEO, copywriting, PR, advertising. Elasticità e apertura mentale come base di questo mestiere perché gestire i social media richiede pazienza e propensione alla relazioni, online e offline.

4) Qual è a tuo parere l'errore da evitare assolutamente nella gestione di un social network? 
Dare qualcosa per scontato senza immedesimarsi in coloro che riceveranno il messaggio che stai fornendo. Tutto deve essere pensato e analizzato in funzione di molti aspetti ma prima di tutto deve essere messo l'utente finale al centro del processo di comunicazione.

5) Che suggerimenti daresti a chi vuole diventare social media manager? 
Studiare, essere curiosi e sporcarsi le mani: aprire un blog, scrivere articoli sui concetti studiati, mettere in pratica ciò che si legge, creare una pagina Facebook per imparare a gestirla, curare i propri profili personali sui social, capire le particolarità di ogni strumento, partecipare ad eventi, conoscere "colleghi" e trarre insegnamento da ogni cosa. Altro consiglio: vivere online!


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...