giovedì 22 dicembre 2011

Il mercato degli smartphone in Italia: un info-grafico


La ricerca è stata realizzata da Ipsos MediaCT e presentata a ThinkMobile, il primo evento italiano sul settore.

L'info-grafico è stato realizzato da Giuseppe De Vito.
Clicca sull'immagine per ingrandirla.



via

mercoledì 30 novembre 2011

lunedì 28 novembre 2011

Il mondo dei social media




Numeri e statistiche sull'uso e la diffusione dei social media nel mondo in un info-video.


Sotto alcuni dati aggiornati sugli utenti italiani di Facebook.



Facebook in Italia



Altri dati nella pagina dedicata all’Osservatorio Facebook.


via e via



giovedì 24 novembre 2011

Il potere dei video on line: alcuni numeri



Due stimolanti video mostrano alcuni interessanti numeri e statistiche sull'importanza di realizzare e condividere video on line.


.


  via e via


mercoledì 2 novembre 2011

Il futuro sarà sempre più mobile




Go Mo è un nuovo servizio offerto da Google per semplificare l'uso e rendere "mobile" il proprio sito web. 

Sotto il video di una ricerca di Google sull'uso degli smartphone sui possessori di smartphone alla fine del 2010.

 

giovedì 27 ottobre 2011

Happy Birthday Web




Un bel video per celebrare i 20 anni del web. Il 14 novembre 2011 al Tempio di Adriano, a Roma, ci sarà un evento speciale, Happy Birthday Web, insieme a Tim Berners-Lee e a molti altri.



lunedì 24 ottobre 2011

Social business: Come promuovere l’azienda e il suo business attraverso un piano strategico e operativo di social media marketing


Un guest post di Alessandro Prunesti,  docente per i Master di Make it So.

Alcuni giorni fa sono intervenuto al convegno di presentazione dei nuovi seminari formativi organizzati dall’Unione Parmense degli Industriali e dal Gruppo Imprese Artigiane della provincia di Parma.

Essi rientrano nel progetto “Social Business: l’approccio strategico al mercato con i social media”. L’iniziativa, tuttora in corso, è riservata alle aziende del territorio associate ed ha l’obiettivo di formare gli imprenditori ad innovare i loro processi di gestione interna e le loro attività di business attraverso un uso consapevole delle nuove tecnologie digitali: dal cloud computing ai social media.
Potete leggere il programma cliccando qui.

Lo sviluppo dei social media e, in particolare, delle professionalità legate all’utilizzo consapevole e strategico del web 2.0 oggi favorisce l’utilizzo di questi strumenti da parte delle aziende.
I vantaggi nell’uso di questi nuovi canali di comunicazione sono evidenti non solo nel caso delle grandi aziende, ma anche per le PMI e le attività commerciali operanti sui distretti territoriali più locali.

Le slide evidenziano in che modo oggi sia possibile “Promuovere l’azienda e il suo business attraverso un piano strategico e operativo di social media marketing”.

Viene dato particolare risalto a ciò che, in particolare, sarà insegnato nell’ambito del Master.

All’interno di questa presentazione accompagno i lettori in un percorso logico che parte da “perché investire sui social network”, fino ad impostare le basi di una strategia di presidio della Rete che faccia dei social media gli strumenti più efficaci per rafforzare la propria reputazione online, acquisire nuovi clienti e ampliare gli orizzonti del business anche verso i mercati esteri.

Ecco qui i punti fondamentali della presentazione:
 • Social media e comportamento di acquisto del consumatore.

 • Perché le aziende devono dotarsi di figure professionali specifiche.

 • I cinque possibili benefit di una buona strategia di social media marketing.

 • La definizione degli obiettivi commerciali, di marketing e di comunicazione.

 • La classica domanda dell’azienda che approccia i social media.

 • L’importanza del monitoraggio della Rete: alcuni strumenti.

 • Lo schema strategico per il presidio di Internet (credits by Operaio del Web).

 • I passi per realizzare un buon brief (…anche per favorire l’eventuale lavoro di una società di consulenza).

 • Alcune piattaforme web 2.0 e social media già a disposizione online.

 • La road map del social media management.

 • Il social media management messo in pratica.

 • Le parole d’ordine del social media management.

 • Come comunicare sui social media.

 • L’importanza delle metriche di valutazione: quali scegliere, come valutarle, e strumenti pratici per il monitoring.

Buona visione a tutti!

Alessandro Prunesti
Enterprise Digital Innovation, Social Media Management, Sport Marketing e Formazione.

Blog:
Alessandro Prunesti
prunesti.imprenditoreonline
E-learning
Skype: alessandroprunesti
Twitter: @prunesti


mercoledì 19 ottobre 2011

lunedì 17 ottobre 2011

Condividere sui social media: un minuto in un info-grafico



Un interessante info-grafico pubblicato da PopCorn illustra lo sviluppo delle modalità di condivisione delle informazione attraverso i social media.

Clicca sull'immagine per ingrandirla.

via


mercoledì 12 ottobre 2011

Che cosa è il marketing virale?


What is Viral Marketing? from Plainly Simple Studios on Vimeo.


Un semplice video illustra i fondamenti del viral marketing.

 Da vedere anche "How to sell soap" un classico video del marketing passaparola.

 


  via



martedì 11 ottobre 2011

lunedì 10 ottobre 2011

L'universo dei social media: dati e statistiche


Numeri, statistiche e riflessioni sull'uso e la diffusione dei social media nel mondo in una bella e completa presentazione.

Social media around the world 2011
View more presentations from steven van belleghem


Altri interessanti dati nella nuova versione aggiornata pubblicata da Nielsen del Social Media Report dove analizza le tendenze e i modelli di utilizzo dei social media negli Stati Uniti ed in altri importanti mercati.

martedì 4 ottobre 2011

Una breve presentazione del master

 


Una sintetica presentazione del Master in Social Media e Web Community Manager per imparare ad usare i social media nella gestione della comunicazione e del marketing aziendale.

Sotto l'attività istituzionale di Make it So in sintesi.


 

venerdì 30 settembre 2011

Il community manager secondo Davide Vitellaro







Secondo confronto "a distanza" sul community management5 domande a colleghi ed amici professionisti.  Oggi la minintervista a Davide Vitellaro.


Come ti sei avvicinato al community management? 

Ho iniziato qualche anno fa, ormai parecchi a dire la verità, in una agenzia (Zodiak Active) dove ho seguito un progetto editoriale di Mondadori che prevedeva lo sviluppo e la gestione di una Community. Da lì il passaggio al Gruppo Finelco dove prima ho curato la nascita e la crescita della Community di Virgin Radio Italy e, successivamente, mi sono occupato del “popolo” di Radio 105.

Quali sono le gioie ed i dolori della tua esperienza professionale che ti senti di condividere?

Ci sono momenti di forte stress che bisogna gestire e c’è da lavorare molto, spesso negli orari più impensati.
Non stacchi mai la spina perché tutti gli input che ricevi dal web e dalla vita vera vengono utilizzati per creare contenuti e attività per la tua community e ogni momento è buono per fare un “controllo” su quel che sta succedendo.
Le gioie arrivano dai risultati ottenuti, ovviamente, ma anche dalle storie degli utenti nelle quali vieni coinvolto (involontariamente).

Quali qualità/capacità sono oggi indispensabili per essere un efficace community manager?

Non ci sono qualità o capacità standard, ogni CM ha le sua particolarità.
Un buon manager deve, comunque, avere occhi e orecchie sempre ben aperti per intervenire con efficacia in ogni situazione.
Recentemente ho scritto un post sulle caratteristiche che un CM non deve avere (leggi qui) non può non sapere, non deve essere frenetico, non deve essere permaloso, non può non essere autonomo e non può non saper codificare i linguaggi.

Qual è a tuo parere l'errore assolutamente da evitare nella gestione di una community? 

Nei momenti di crisi o nella discussione con un utente ricordarsi che non è permesso essere permalosi

Che suggerimenti daresti a chi volesse diventare community manager? 

Guarda le Community che ci sono online, osserva i comportamenti, le risposte, il tone of voice di utenti e moderatori.
Prendi appunti e spunti. Prova tutto, non aver paura di sporcarti le mani e di sbagliare.



Davide Vitellaro 
è stato DJ, speaker radiofonico, commesso, giornalista, autore e atleta (anche se dal fisico non si direbbe).
Ci prova, sempre. È curioso e testardo. Sa leggere, scrivere e accendere un computer: questo gli ha consentito di lavorare per il web.
Community Manager, Social Media & Digital PR Specialist e web editor ha deciso di non rispondere (quasi) più alla domanda: “Ma tu, esattamente, che lavoro fai?”

Link aziendale: Ambito5
Link blog: Pisopiso


giovedì 29 settembre 2011

Il community manager secondo Giovanni Re





Per attivare un confronto "a distanza" sul community management, ho rivolto 5 domande a colleghi ed amici professionisti.
Ne sono scaturite diverse mininterviste. Giovanni Re inaugura oggi la serie.



Come ti sei avvicinato al community management? 

Sono entrato nella mia azienda, la Roland DG Mid Europe, con lo scopo ben preciso di dare formazione a chi acquistava un nostro prodotto.
Parliamo di plotter da stampa per il grande formato. Nel raggruppare settimanalmentre venti "artigiani tecnologici" nella stessa aula e parlare di consigli, ottimizzazioni e tecnologie notavo che aiutandoli a superare lo scoglio iniziale iniziavano non vedersi come concorrenti, ma iniziavano a condividere le esperienze.
Era un peccato lasciare questa magia chiusa in un aula ed ho aperto uno spazio di condivisione su Yahoo gruppi col nome "Forum degli Artigiani tecnologici", oggi su piattaforma vbulletin.

Quali sono le gioie ed i dolori della tua esperienza professionale che ti senti di condividere?

Moltissime le gioie. Quando ti si avvicina una persona, ti abbraccia e ti ringrazia perchè tramite la community ha avuto la spinta necessaria per uscire dalla crisi, riprendere l'attività e vincere sul mercato, questo non ha prezzo.
Alcune incomprensioni con alcuni membri ti portano a scissioni molto dolorose. Di solito vedendosi in faccia, incontrandosi dal vivo, riusciamo a chiarire le problematiche ed arrivare a dei compromessi per il bene di tutta la community.

Quali qualità/capacità sono oggi indispensabili per essere un efficace community manager? 

L'ascolto, la coerenza, il mettersi in gioco in prima persona, cercare idee per condividerle, essere fonte di ispirazione, rispettare l'intelligenza di chi inizia, sapere cosa c'è oltre, e cosa molto importante: seguire una causa.
Nel nostro caso parliamo e diffondiamo la diversificazione come elemento unico per offrire valore al mercato.

Qual è a tuo parere l'errore assolutamente da evitare nella gestione di una community? 

Non incontrarsi dal vivo con i partecipanti della community. Relazione.
Ogni partecipante devi accettarlo come tuo amico per creare qualcosa di costruttivo, altrimenti rimarrà un numero e personalmente non mi è mai piaciuto parlare con numeri, preferisco le persone!

Che suggerimenti daresti a chi volesse diventare community manager? 

La community deve nascere dal cuore. Non si può pretendere di prendere una persona e dire: "da oggi fai il community manager". Lo devi essere dentro.
Devi credere in quello che fai in ogni tua fibra, in ogni momento della giornata. Non è un lavoro da cartellino.
Se credi veramente in quello che fai e se hai a cuore le persone che possono migliorare con il tuo aiuto allora sei pronto per diventare un community manager.



Giovanni Re
Community Manager at Roland DG Mid Europe.
Innovatore di professione e un appassionato di natura.
Il suo motto è: Sapere, fare, saper fare, far sapere.

Link community: Forum Artigiano Tecnologico
Link aziendale: ROLAND DG Mid Europe Srl

mercoledì 28 settembre 2011

martedì 27 settembre 2011

mercoledì 21 settembre 2011

Lavorare con il web: le nuove professioni


Un bel info-grafico pubblicato da sestyle presenta in modo originale le nuove figure professionali che lavorano nel Web.

Ecco le 7 nuove professioni del web:
Community Manager – Il portabandiera e portavoce della community in rete
All-Line Advertiser – Lo stratega delle campagne di marketing online
Search Engine Optimizer (SEO) – L’ottimizzatore della visibilità online
Web Analyst – Il knowledge master della navigazione
eReputation Manager – Il guardiano del Word of Mouth
Digital PR – L’architetto delle People Relations
Transmedia Web Editor – Il creatore dei contenuti crossmediali.

Clicca sull'immagine per ingrandirla oppure clicca qui.



mercoledì 7 settembre 2011

Le abilità del community manager



La capacità di gestire una community on line diventa sempre più una componente strategica e richiede alcune specifiche abilità illustrate in questo info-grafico pubblicato da Dion Hinchcliffe.


Clicca sull'immagine per ingrandirla.



martedì 6 settembre 2011

Il Community Management e l'ecosistema di marca



Un interessante modello visivo del Community Management come l'elemento di connessione tra le marche ed i consumatori pubblicato da Stefano Maggi.

Qui trovi il post di approfondimento dell'autore.

Qui su flickr puoi trovare l'immagine originale.






giovedì 1 settembre 2011

Anatomia di un fan: un info-grafico


Un interessante info-grafico esplora le caratteristiche di un fan su Facebook. Clicca qui per visualizzare l'immagine più grande.

giovedì 11 agosto 2011

Le relazioni pubbliche 2.0


Nuove abilità e nuovi strumenti di comunicazione per le relazioni pubbliche in una interessante presentazione di Vincenzo Cosenza.
Sotto una bella presentazione di Nicola Mattina sulle conversazioni on line.

martedì 9 agosto 2011

Marketing e Social Web

 

"The Machine is Us" è un bel video di Michael Wesch che illustra in modo molto chiaro che cosa sia il web 2.0. 


Una interessante presentazione ricca di riflessioni e consigli per utilizzare in modo efficace le strategie legate al web 2.0 di Gianluigi Zarantonello.


In alcune efficaci slides Thomas Baekdal riassume le differenze di approccio tra il marketing tradizionale e il marketing da utilizzare nel nuovo social web.


Sotto una rappresentazione grafica del business 2.0.


venerdì 5 agosto 2011

Creare e sviluppare relazioni con il web 2.0


Come sviluppare relazioni dentro e fuori dalle imprese attraverso le nuove tecnologie del web in una bella presentazione di Michele Luconi.





I principali termini e concetti del web 2.0 sono illustrati in questa chiara e utile presentazione.

martedì 2 agosto 2011

Esperienze di marketing personale: 2 ebook


Due raccolte di post tratti dal mio blog dedicato al marketing personale e 37 interviste che raccontano il marketing personale ed il personal branding attraverso le esperienze dirette di professionisti e consulenti.




I due ebook offrono una serie di modelli, schemi, spunti e riflessioni utili per un migliore approccio alla propria promozione e alla valorizzazione delle proprie competenze.


lunedì 1 agosto 2011

Ogni 60 secondi su internet


La crescita e le dimensioni nell'uso di internet nel mondo in una colorata immagine.

Ogni minuto vengono pubblicati su Facebook 695.000 aggiornamenti di stato, 79.364 post sulle bacheche e 510.040 commenti;

i server di Google rispondono a 694.445 interrogazioni;

320 nuovi account and 98,000 tweets sono generati su Twitter;

100 nuovi account sono creati su LinkedIn;

su YouTube vengono caricati 600 video pari a più di 25 ore di contenuti;

si scaricano più di 50 copie della piattaforma di blogging WordPress e 125 plugin;

nascono 60 nuovi blog e vengono scritti 1500 post;

più di 6.600 fotografie sono caricate su Flickr;

sono scaricate 13.000 app per iPhone;

168,000 emails vengono spedite;

370,000+ minuti di chiamate vocali sono fatte con Skype.


Clicca sull'immagine per ingrandirla.

venerdì 29 luglio 2011

Mobile Internet: cresce il mercato nel 2010

Forte incremento della connettività web via cellulare, ma il mercato dei servizi e della pubblicità è ancora al palo in attesa dello sviluppo di nuove applicazioni.

Tratto da: il giornale.it

Nel 2010 il mercato Mobile Internet, Content & Apps è tornato a crescere registrando un tasso di incremento del 7 per cento. Questa dinamica positiva è l'effetto di tre componenti: un forte incremento del Mobile Internet, ossia della connettività da telefono cellulare/smartphone, una ulteriore riduzione dei Mobile Content & Apps a pagamento e una buona crescita del Mobile Advertising (la raccolta pubblicitaria specifica sul canale Mobile), anche se in termini assoluti vale ancora molto poco. Il risultato di queste dinamiche così asimmetriche è che il peso del volume d'affari del Mobile Internet arriva al 48% (era il 32% nel 2008), avvicinandosi notevolmente al peso dei Mobile Content a pagamento, pari al 49% (65% nel 2008).
È quanto emerso nel corso di un convegno promosso dall'Osservatorio Mobile Internet, Content & Apps della School of Management del Politecnico di Milano. «Non parlo mai volentieri di "rivoluzione" - ha commentato Andrea Rangone, Responsabile Osservatori ICT del Politecnico di Milano - ma oramai si è attivato un circolo virtuoso». La rivoluzione, secondo Rangone, è nell'utilizzo del cellulare come canale preferenziale per accedere - sempre e ovunque - a qualsiasi contenuto e servizio digitale. Rivoluzionario sarà l'impatto su imprese e pubbliche amministrazioni: mettendo loro a disposizione un nuovo potente canale di gestione della relazione con i propri clienti/utenti.
Il volume d'affari del Mobile Internet nel 2010 è aumentato del 27% a 538 milioni di euro. Cresce fortemente (+43%) la componente dei ricavi derivante dalle tariffe flat, che arriva a pesare il 38% sul mercato complessivo. Queste dinamiche sono confermate dalla forte crescita del numero di Mobile Surfer avvenuta nel 2010 e del loro utilizzo della Rete da cellulare: navigano in media 30 minuti al giorno, anche se la navigazione è concentrata su pochi siti e tendenzialmente sempre gli stessi.
Ancora un segno meno, invece, per il mercato dei Mobile Content & Apps a pagamento, anche se meno negativo dell'anno scorso: -9% nel 2010 contro -20% nel 2009: in due anni sono stati bruciati, così, 200 milioni di euro. Il rallentamento del calo è confermato anche nei primi mesi di quest'anno e fa ben sperare per un ritorno alla crescita (che però difficilmente avverrà già nel 2011 ma dovrebbe avvenire a partire dal 2012). La dinamica negativa è l'effetto combinato di due trend opposti in atto da due anni. Da una parte la continua contrazione (-13%) dei ricavi derivanti dai contenuti più tradizionali (loghi e suonerie, giochi java, sms informativi, dating via Sms, voting televisivo, ecc.) basati sui tipici canali telco-centrici (Numero breve e Mobile portal in primis). Dall'altra, la crescita dei contenuti erogati tramite i nuovi canali del Mobile Internet e degli Application Store (+113%) anche se in valore assoluto rimangono ancora molto limitati a qualche decina di milioni di euro.

mercoledì 27 luglio 2011

Che cosa è un social network


Una semplice e chiara presentazione di Giuseppe Riva spiega che cos'è, come nasce, a che cosa serve un network e quindi una rete sociale.






Un video chiarisce ulteriormente cosa sono le reti sociali.





Una presentazione di Caterina Policaro introduce il mondo dei social network con alcuni esempi specifici e consigli pratici.

lunedì 25 luglio 2011

I grandi cambiamenti nel marketing e nella comunicazione


"Dramatic shift in marketing reality" e "How the Internet is changing Advertising" sono due video animati illustrano sinteticamente i principali cambiamenti avvenuti negli ultimi anni nel marketing e nella comunicazione di impresa.




Gli strumenti oggi a disposizione per la comunicazione e la promozione delle attività di una impresa si sono moltiplicati. Basta guardare al confronto tra gli strumenti disponibili nell'advertising negli anni '90 e il 2009.



Ecco quindi una mappa molto completa degli strumenti e dei media disponibili per la comunicazione di marketing.



Clicca sulle immagini per ingrandirle.

venerdì 22 luglio 2011

La rivoluzione dei Social Media


La terza versione aggiornata per il 2011 di Social Media Revolution, uno dei video più interessanti e più visti sulla rivoluzione introdotta nella comunicazione dai social media e dal web 2.0. Il video è stato realizzato da Erik Qualman di SocialNomics.

Interessante vedere l'evoluzione e la crescita dell'uso dei social media nel confronto con le precedenti edizioni del video del 2010 e del 2009.





Sotto la versione in italiano della prima edizione del 2009.


giovedì 21 luglio 2011

mercoledì 20 luglio 2011

Nella mente di un Community Manager



I diversi ruoli di un Community Manager illustrati in un info-grafico pubblicato da get satisfaction.

Clicca sull'immagine per ingrandirla.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...